Proprio a causa di questi potenziali problemi, e considerando il fatto che in quel server venivano conservate anche informazioni legate ai clienti, Apple ha deciso di interrompere la sua partnership con la Super Micro Computer che gestiva proprio quelle macchine.

I responsabili della Super Micro Computer hanno confermato l’accaduto, rassicurando però gli utenti sul fatto che non c’è mai stata alcuna violazione ai server, “ma le potenziali minacce hanno convinto Apple a prendere questa decisione“.

Anche Apple ha commentato questa decisione: “Apple è fortemente impegnata a proteggere la privacy degli utenti e la sicurezza dei dati archiviati sui server. Monitoriamo costantemente la presenza di eventuali attacchi ai nostri sistemi, lavorando a stretto contatto con i vari fornitori”. 

Apple sta anche lavorando per trasferire tutti i server in-house, così da non doversi più affidare a partner terzi per alimentare i propri servizi web.

 

Per restare sempre aggiornato sui nostri articoli,ti consigliamo di leggere le News via Feed RSS ,su Telegram oppure contattarci tramite la chat di Facebook, ricordati di seguirci anche su Instagram …