app_store-650x245

Nelle ultime ore la Apple sta contattando tutti i clienti che hanno fatto degli acquisti in applicazioni, e se per caso, gli acquisti sono stati fatti involontariamente da bambini, i soldi spesi verranno rimborsati.

Secondo quanto riportato da iPhoneHacks, le e-mail inviate ai proprietari di account iTunes, forniscono tutte le istruzioni su come ottenere il rimborso se l’acquisto è stato fatto involontariamente.
Basterà inviare un e-mail di reclamo ad Apple dicendo del disguido, e successivamente, si riceverà un e-mai, che secondo la politica dell’azienda, l’acquisto sarà rimborsato o meno.

Questa l’e-mail ricevuta da diversi clienti nelle ultime ore:

Gentile proprietario dell’account iTunes, Apple si impegna a fornire a genitori e bambini un’esperienza unica su App Store. Passiamo in rassegna tutti i contenuti delle app prima di introdurle nel nostro store, forniamo una vasta gamma di contenuti adatti alla loro età e includiamo controlli parentali in iOS per rendere più facile per i genitori la limitazione o disabilitazione dell’accesso ai contenuti.
Abbiamo ricevuto segnalazioni da alcuni clienti che ci informavano dell’eccessiva semplicità per i loro bambini di effettuare acquisti in-app. Per queste ragioni, abbiamo migliorato i controlli per i genitori in modo che possano gestire meglio gli acquisti dei loro figli o limitarli completamente. Inoltre, in alcuni casi stiamo offrendo rimborsi.

Si prega di seguire la procedura per presentare una richiesta di rimborso:

Trova la tua ricevuta di acquisto in-app. Controlla la tua e-mail per le ricevute di iTunes o utilizza un computer per accedere al tuo account iTunes e visualizzare la Cronologia acquisti.
Utilizza questo link per inviare la vostra richiesta di rimborso ad Apple.
Fornisci le informazioni richieste e immetti la dicitura “rimborso per acquisti in-app effettuati da un minore” nella sezione Dettagli.
Apple rivedrà la vostra richiesta e vi contatterà via email sullo stato del rimborso. Tutte le richieste di rimborso devono essere presentate entro e non oltre il 15 aprile 2015.